DA INTRANET - BUSTA PAGA

LE NEWS RELATIVE AL CEDOLINO DI GIUGNO 2019

Inserito il 26 Giugno 2019

Cedolino online – le news di giugno 2019 

?️

- CEDOLINO PERSONALE NON DIRIGENTE DIPENDENTE DALLE IMPRESE CREDITIZIE, FINANZIARIE E STRUMENTALI CON CCNL CREDITO

PREMIO VARIABILE DI RISULTATO 2018 (PVR)

Con lo stipendio di giugno 2019 si è provveduto a gestire le voci relative al PREMIO VARIABILE DI RISULTATO 2018 (PVR) in base alla scelta di destinazione effettuata dai colleghi entro il 31 maggio scorso, con la seguente modalità:

1) Per i dipendenti che hanno scelto di destinare il PVR alla propria posizione di previdenza complementare:

voce 2PVP: importo del PVR destinato inizialmente a conto sociale e ora destinato a previdenza complementare.

2) Per i dipendenti che hanno scelto la liquidazione del PVR in cedolino:

voce 2PVL: importo del PVR destinato inizialmente a conto sociale e ora liquidato in cedolino

L’importo liquidato del PVR è stato assoggettato a:

imposta sostitutiva Irpef 10% (*) fino a 3.000 euro per tutti coloro che hanno percepito nell'anno precedente un reddito di lavoro dipendente, comprensivo dei premi di risultato assoggettati ad imposta sostitutiva, non superiore a 80.000 euro (art. 1, c. 160 L. 11 dicembre 2016, n. 232 Legge di bilancio 2017) visibile nella casella del cedolino “Imp.10%” della sezione “FISCALE”.

Per l'anno 2019, il limite di 3.000 euro lordi è comprensivo dell'eventuale importo residuo non utilizzato del Conto Sociale 2018, e liquidato con il cedolino di febbraio 2019.

Per questa tipologia di dipendenti, ovvero titolari di reddito di lavoro dipendente di importo non superiore a 80.000 euro nell’anno precedente a quello di percezione delle somme che hanno scelto la liquidazione del PVR in cedolino, sono stati accreditati i contributi INPS pari a 9,19% calcolati su una quota premio fino a 800 euro in applicazione alla Circolare Inps nr. 104 del 18-10-2018 in tema di decontribuzione, visibili con la voce 93A1. 

Tassazione ordinaria per la parte eccedente i 3.000 euro visibile nella casella del cedolino “Imp. Irp. Pr.” (Imponibile Irpef Premio non in somma all'imponibile fiscale del mese) della sezione “FISCALE”.

(*) Come previsto dalla normativa vigente, gli importi assoggettabili ad imposta sostitutiva IRPEF 10% sono costituiti dai premi di risultato di importo variabile la cui corresponsione è collegata a incrementi di produttività, redditività, qualità, efficienza e innovazione in esecuzione di contratti aziendali o territoriali stipulati rispettivamente con le RSA/RSU o da associazioni sindacali comparativamente più rappresentative sul piano nazionale.

Sono esclusi dalla predetta normativa gli importi erogati a titolo di sistema incentivante, premi NPL/SET, Una Tantum, sui quali è stata applicata la tassazione ordinaria, in somma all’imponibile corrente del mese.

 

- CEDOLINO PERSONALE NON DIRIGENTE DIPENDENTE DALLE IMPRESE DI ASSICURAZIONI CON CCNL ASSICURATIVO

PREMIO AGGIUNTIVO VARIABILE 2018 (PAV)

Con lo stipendio di giugno 2019 si è provveduto a gestire le voci relative al PREMIO AGGIUNTIVO VARIABILE 2018 (PAV) in base alla scelta di destinazione effettuata dai colleghi entro il 31 maggio scorso, con la seguente modalità:

1) Per i dipendenti che hanno scelto di destinare il PAV alla propria posizione di previdenza complementare:

voce 2PVP: importo del PAV destinato inizialmente a conto sociale e ora destinato a previdenza complementare.
voce 4ZY7: importo del PAV destinato inizialmente a conto sociale e ora destinato a previdenza complementare per i titolari di reddito di lavoro dipendente di importo superiore a 80.000 euro nell’anno precedente a quello di percezione delle somme.

2) Per i dipendenti che hanno scelto la liquidazione del PAV in cedolino:
voce 2PVL: importo del PAV destinato inizialmente a conto sociale e ora liquidato in cedolino

L’importo liquidato del PAV è stato assoggettato a imposta sostitutiva Irpef 10% prevista fino ai 3.000 euro per tutti coloro che hanno percepito nell'anno precedente un reddito di lavoro dipendente, comprensivo dei premi di risultato assoggettati ad imposta sostitutiva, non superiore a 80.000 euro (art. 1, c. 160 L. 11 dicembre 2016, n. 232 Legge di bilancio 2017) visibile nella casella del cedolino “Imp.10%” della sezione “FISCALE”.

MENSILITA' AGGIUNTIVA - QUATTORDICESIMA

Come da Accordo del 13 marzo 2019 si è provveduto a liquidare con valuta 20 giugno quanto di competenza a titolo di quattordicesima mensilità con la voce 5CTD – 14° Mensilità, contestualmente alla retribuzione ordinaria.-

Mercoledì 26 giugno 2019


 

Se clicchi qui  puoi andare sulla nostra pagina FB, mettere mi piace e continuare a seguirci !!